Raffaello, Il figlio del vento

di e con Matthias Martelli

musiche originali Matteo Castellan

Teatro Stabile dell’Umbria

Prima regionale - creazione 2020

In occasione dei 500 anni dalla morte di Raffaello

Un racconto avvincente e poetico su un genio dell’umanità: Raffaello Sanzio. Martelli riprende la tradizione del teatro giullaresco e di narrazione e trascina lo spettatore in un vortice di storie appassionanti, rendendo vivi i personaggi, immergendosi, con le immagini e le parole, dentro i capolavori del pittore divino.

Sporco negro

con Bubacarr Bah, Tommaso Bianco, Alhagie Barra Sowe
regia Maurizio Sguotti
Kronoteatro

Prima regionale

Spettacolo vincitore Teatri del Sacro 2019

Un cabaret razzista e politicamente scorretto sul pensiero xenofobo, amplificato da anni di cultura mediatica. In scena due attori non professionisti del Gambia e un membro storico della compagnia. Ridiamo amaramente di noi, certi di essere distanti da quella visione, ma è davvero così? Un tema urgentissimo, sviscerato da diversi punti di vista.

Casca il mondo casca la terra

drammaturgia di Gianfranco Di Chiara e Beppe Rizzo

con Beppe Rizzo

Oltreilponte Teatro

Musica e canzoni per raccontare le avventure di due bambini, Malatesta e Malaspina, che aiutano gli adulti a superare pregiudizi e difficoltà. Un narratore, accompagnandosi con la sua chitarra, canta la storia di due villaggi che si osservano da posizioni opposte e contrarie. Uomini di montagna e pianura si guardano in cagnesco, fino a quando….

Fratelli in fuga

con Luca Serra e Andrea Fardella/Lorenzo Goria

ideazione e regia Maurizio Bàbuin

Santibriganti Teatro – Fondazione Paideia

Progetto Piccola Trilogia deli Altri Bambini

Premio Giuria Ragazzi e Premio Giuria Esperti Festival “I Teatri del Mondo” Porto Sant’Elpidio 2020

E’ l’avventura di Lorenzo detto Lollo e di suo fratello Michele detto Michi, affetto da sindrome autistica. Lollo e Michi scappano, ma da chi e da cosa? Non si sa. Forse vogliono vivere una notte brava, piena di imprevisti, di paure ma anche di gioia, utile a scoprire che il loro è un legame davvero speciale e tale resterà. Una pièce particolarmente emozionante.

Prezzemolina

liberamente ispirato all’omonima fiaba popolare

di e con: Monica Mattioli
regia Monica Mattioli e Renata Coluccini

In un angolo di un orto c’è una donna, un po’ strana, che parla al suo prezzemolo. Lo innaffia, lo coccola… poi s’innaffia i piedi e li trastulla pure nella terra. Ma oggi è arrivato il momento di vendere quel prezzemolo e come ogni volta che arriva il momento la donna non ce la fa. Nell’orto ci sono alcuni segreti legati alla storia di una fanciulla che come tutte le fanciulle ha una mamma e che come tutte le mamme è bellissima… bella… carina… cioè particolare… anzi unica!

Karmagnomiz RELOADED

di e con Franco Bocchio, Stefano Gorno

Compagnia Gnomiz

Produzione TAC

Karmagnomiz è uno spettacolo poliedrico che amalgama in un’ora e un quarto il meglio dei personaggi e delle situazioni create in due anni di lavoro da Franco e Stefano, in arte Gnomiz: dalla “strana coppia” del santone BabaYoghy e del suo adepto un po’ imbranato

Gold Show

di e con Giorgia Goldini

In collaborazione con Le Sillabe Teatro della Caduta
 

Lo spettacolo che non è mai uguale, che cambia ogni sera perché gli spettatori, consultando un comodo menù, decidono cosa vedere. Il GOLD SHOW è lo spettacolo che non puoi davvero sapere come andrà a finire fino all’ultimo secondo. Puoi trovarci dentro pezzi di altri spettacoli, qualcosa di improvvisato, qualcosa di nuovo, qualcosa di vecchio e qualcosa di blu, come ai matrimoni, ma senza promesse finché morte non ci separi. É chic ma allo stesso tempo alla mano. Comico, amaro, intelligente, poetico senza troppe pretese. Potrebbe far piangere, ma solo su richiesta. É per soli adulti ma nessuno si spoglia e sia ben chiaro.

Pinocchio

con Claudio Dughera, Daniel Lascar, Claudia Martore

drammaturgia e regia Luigina Dagostino

Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani

Chi non conosce la storia di Pinocchio? Il burattino ribelle, simpatico, impertinente e ingenuo che vuole fuggire dalla condizione di diversità per diventare una persona vera. Lo spettacolo zigzaga tra gli innumerevoli episodi del romanzo di Collodi. Un’allegoria della società moderna, perché Pinocchio è ognuno di noi.

IO ODIO – apologia di un bulloskin

di Valentina Diana

con Luca Serra

ideazione e regia Maurizio Bàbuin

Santibriganti Teatro

Prima nazionale

Progetto trilogia  Indagare il Male

L’intento della pièce e della trilogia di opere di cui fa parte è indagare il male, che è soprattutto maschio, perché è spropositato il divario: per una donna che delinque ci sono cento uomini che vivono male ledendo l’altrui libertà. L’odio razzista, questo è il credo del protagonista del primo titolo della trilogia che indagherà in seguito anche pedofili e stalker.  Una feroce prova d’attore.

Ahi Ahia! Pirati in corsia!

con Luca Serra e Fulvia Romeo/Erika La Ragione

ideazione e regia di Maurizio Bàbuin

Santibriganti Teatro

in collaborazione con Casa UGI

Progetto Piccola Trilogia Degli Altri Bambini

Come fu, come non fu che Nina si ritrovò in una stanza con un letto e né la stanza né il letto erano quelli della sua cameretta? “Mamma, papà me lo spiegate?”

Nina capì che quella per un po’ di tempo sarebbe stata la sua nuova casa. “Ma quanto? – “Fino a quando non ti fa più male”. Una storia di malattia, di guarigione, di fiducia, di amicizia fortissima.

Moschette

con Anna Canale, Elena Cascino, Davide Farronato, Alice Piano, Cristina Renda

assistente alla drammaturgia Lorenzo De lacovo

regia Paolo Carenzo

Compagnia Contrasto

Prima nazionale

Molto liberamente ispirato a “I tre moschettieri” di Alexandre Dumas perché, capovolgendo quella che è considerata un’icona dell’universo maschile, qui la vicenda sarà interpretata da un punto di vista femminile: le valorose guardie del Re saranno donne. Una Parigi romantica e irrazionale farà da cornice alle ultime ore del cardinale Richelieu.

Raptus di LUNA

con Serena Abbà, Camilla Bassetti, Marta Ziolla

collaborazione artistica Orlando Manfredi

allestimenti, materiali di scena  Siyana Mihova, Claudio Sportelli, Alessia Spanu

luci e suoni Nicola (Nick) Rosboch  –  voci Bruno Orlando, Zoe Sportelli

direzione Mauro Piombo

Santibriganti Teatro

Prima nazionale

Rapiti dalla Luna: è una giostra, un viaggio vitale visto con l’occhio della commedia, della satira. Uno spettacolo pop, un volo insolente e surreale a cavallo del tempo e di un incanto di libertà. Tre giovani vanno sulla Luna, qui il mondo sembra essersi fatto stretto. Da lassù, la terra, la tieni tra le dita e, da lontano, la capisci meglio. 

Live Show

di e con Francesco Giorda

Teatro della Caduta

Siete pronti ad affrontare le paure e i facili allarmismi del nostro tempo fino alle categorie dell'amore passando per un elisir di lunga vita rinunciando alla democrazia?

Uno spettacolo che fa da controcanto al talk-show televisivo, un incontro tra l’esperienza di 15 anni di teatro di strada e la passione per la comicità sottile e sagace sullo stile classico dello stand-up anglosassone, dove tutto è live e accade “qui e ora”: il pubblico viene tirato in ballo su questioni scottanti e imbarazzanti, senza mezzi termini, con battute feroci e irriverenti.

Un sacchetto d’amore

di e con Antonella Questa

LaQ-Prod

In collaborazione con Concentrica

Lo spettacolo affronta con ironia le dinamiche relazionali di oggi, costrette a fare i conti con un mondo sempre più rivolto al consumo, all’opulenza, al bisogno di avere per affermarsi. Dove mancano i rapporti autentici. E per riempire quei vuoti la nostra protagonista si dedica allo shopping compulsivo. Finché dura.

The Dei After

di Domenico Ferrari e Rita Pelusio
con Mila Boeri, Cristina Castigliola, Matilde Facheris
scene e costumi Ilaria Ariemme
regia Rita Pelusio

Atir – Teatro Ringhiera

Prima regionale - creazione 2020

L’uomo, il maschio, si è inceppato, non funziona più. Crisi di valori, perdita di ruolo, paura della vita: il maschio smarrisce il suo senso di esistere. Come aggiustarlo? A questo problema sono chiamati a dare una soluzione tre improbabili dèi: un decrepito Zeus, un Efesto tracagnotto e un ingenuo Ermes. Non a caso, dèi decaduti.

L’albero di Pepe

drammaturgia e regia Simone Guerro

con Agostino Gamba, Lucia Palozzi

Teatro Pirata

Una storia circolare, ogni volta che finisce ricomincia con qualcosa di nuovo.

Pepe è una bambina a cui è caduto il pepe sui piedi: non sta ferma un attimo! Un giorno, a

pranzo, davanti a un disgustoso piatto di lumache, sceglie di scappare di casa. Dopo una difficile fuga, si arrampica sulle fronde di un grande albero e decide di non scendere più!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Che forma hanno le nuvole?

di Serena Facchini e Ermanno Nardi

con Lorenza Guerrini e Daniele Pennati

Elea Teatro / Industria Scenica

Spettacolo vincitore Concorso Nazionale InBox Verde 2020

Nemo ha 8 anni, due genitori affettuosi e una sorella gemella, Vera, la compagna di tutte le sue avventure. Da qualche tempo il bimbo è triste, si sente trascurato. Un giorno però scopre la verità. Nessuno sa che esiste. Solo Vera lo vede e può parlargli. Lui è il suo amico immaginario. Così affronterà un nugolo di avventure alla ricerca di se stesso.

 

Dame di Shakespeare

di e con Daniela De Pellegrin e Maura Sesia

Santibriganti Teatro

Le donne immaginate dal più grande drammaturgo occidentale, attraverso certe indimenticabili battute che costellano la sua opera. Un’attrice ed una giornalista incorniciano alcune tra le 150 figure femminili di Shakespeare, che dialogano disinvolte con la realtà contemporanea. Per diffondere il verbo del Bardo, soprattutto quando fa parlare le signore.

 

Dame di Molière

di e con Daniela De Pellegrin e Maura Sesia

luci  Nicola Rosboch

Santibriganti Teatro

Un’attrice ed una giornalista, danno vita ad una "lettura chiacchierata" sulle figure femminili di un autore fondamentale per la drammaturgia occidentale: Molière.

ma le sue protagoniste sono veramente delle "dame"? cissà... Intanto si gusta la straordinaria e viva pittura dei caratteri. Una briosa conferenza-spettacolo per avvicinarsi al grande teatro.

 

The Gender Show

con Noemi Bresciani, Nicole De Leo, Giacomo Arrigoni Gilaberte, Antonia Monopoli, Marcela Serli

regia e drammaturgia Marcela Serli

Atopos compagnia teatrale

In omaggio al Lovers Festival

E’ l'unica Compagnia in Europa formata da persone transessuali e transgender, queer, etero, gay, lesbiche.

Si può fare arte con la propria identità? Sì. La costruzione artistica della propria identità è possibile, magari falsata, magari sbagliata, ma l'arte, il teatro, la danza, il video restituiscono una sintesi a volte felice di chi siamo. Uno spettacolo scioccante, irriverente, comico.